venerdì 19 dicembre 2014

Uova ripiene, le migliori


Per qualche incredibile motivo non ho ancora postato le mitiche uova ripiene che mia nonna preparava sempre per le occasioni speciali perché "queste piacciono a tutti, credimi che ci fai un figurone". Verissimo, in tanti anni non ho ancora mai incontrato qualcuno che, una volta mangiata la prima, non abbia voglia di mangiarsele tutte.

Non che la ricetta se la sia inventata nonna, credo si tratti di una ricetta molto nota, ma sono quasi certa che nel ripieno ci abbia messo del suo ;)
A casa mia queste uova vengono sempre proposte nei menù natalizi, che sia nella cena del 24, il pranzo del 25 o l'ennesima abbuffata del 26 e consiglio a tutti di addottarle ;)

La ricetta è molto semplice, la può preparare chiunque, è necessaria solo qualche accortezza per le uova sode affinché si sbuccino bene in modo da avere della uova anche belle oltre che buone. Io uso sempre e solo uova bio che provengono da galline felici che scorrazzano per i prati e che mi fanno sentire meglio (sono anche più buone e non colorate visto che mangiano mangimi naturali senza coloranti).

Uova ripiene
per 20 uova

uova sode 10 
maionese 2 cucchiai colmi + un po' per decorazione
tonno sott'olio sgocciolato 160 gr  
olive di Gaeta 20 
prezzemolo qb
basilico qb
maggiorana qb
capperi qb
pasta di acciughe 1 o 2 cucchiaini

Per le uova sode:
Per avere della uova sode perfette immergetele a temperatura ambiente in acqua fredda in una pentola,  aggiungete un cucchiaio di acciaio sul fondo della pentola che dovrebbe evitare l'eccessivo movimento delle uova e la conseguente rottura del guscio, un cucchiaio di sale e portate a bollore tenendo la fiamma moderata in modo che uova non si muovano troppo. Da quando bolle contate 8 minuti. Scolate e immergete in acqua fredda per diversi minuti. Solo quando saranno perfettamente fredde (meglio ancora se le riponete in frigo per un po') sbucciatele.

Tagliare a metà le uova sode sbucciate, staccare delicatamente i tuorli (facendo attenzione a non rompere l'albume) e riporli in una ciotola con il tonno, la maionese, le erbette tritate con i capperi, e la pasta di acciughe. Sciacciate e amalgamate bene tutto con una forchetta. Ottenuto un composto omogeneo rifarcite gli albumi aiutandovi con un cucchiaino e dando una bella forma tonda con le mani. 
Aggiungere una punta di maionese al centro di ogni uovo e adagiare una piccola oliva sopra.
Servire su di un bel vassoio come antipasto o come parte di un buffet durante un aperitivo




sabato 6 dicembre 2014

Cosa regalare a Natale 2014


Quest'anno ho deciso di fare il primo post con suggerimenti per regali di Natale.
In molti mi scrivete chiedendomi cosa uso, dove prendo i prodotti delle foto e così, per la prima volta dopo 4 anni, eccomi a suggerirvi prodotti da regalare (o anche da regalarvi).
Spesso io stessa faccio capolino nei post di blogger che seguo per vedere cosa consigliano, quale meraviglia hanno scovato e molto spesso scopro cose buonissime che prima non conoscevo!

Alcuni sono dei MUST in casa mia da sempre, altri sono prodotti scoperti da poco e di cui mi sono innamorata al primo assaggio! Spero di darvi qualche spunto carino per acquistare regali golosi.

sabato 29 novembre 2014

Barchette di patate al vino e Castelmagno e pere al Castelmagno


Cosa preparare per valorizzare dell'ottimo Castelmagno di Alpeggio DOP? Per chi non lo conoscesse il Castelmagno è un ottimo e pregiato formaggio piemontese a pasta semidura e di una certa importanza storica visto che, già conosciuto dal 1100,  nel 1277 una sentenza ne fissava una certa quantità come pagamento annuo per le terre (leggi qui o qui).

martedì 11 novembre 2014

Ciambellone semplice


Di tante torte e dolci vari mancava lui, il cimabellone, quello semplice che mi prepara mamma. Sfogate fantasia e aggiungete nocciole, mandorle, cioccolato, cacao, mele, mirtilli, cannella, vaniglia e tutto ciò di cui avete voglia. A me piace semplice semplice, come me lo preparava mamma, con tanta scorza di limone o di arancia.


mercoledì 29 ottobre 2014

Chicken Kiev - pollo al burro profumato


Eccolo qui in tutto il suo glorioso splendore! Devo dire che non sono una fan del petto di pollo: troppo poco sapore, stoppaccioso… meglio cosce, ali o qualunque parte abbia un po' di pelle e quindi grasso a dare un po' di gusto e morbidezza alla carne. 
Ma il Chicken Kiev è un petto di pollo ripieno di burro aromatizzato all'aglio e erbette e, nel mio caso, pancetta. Tutta un'altra storia.

Il pollo va prima fritto e poi messo al forno per ottenere una croccantezza incredibile ma l'ho provato anche solo al forno ed è altrettanto buono e goloso ;) sebbene perda un po' della croccantezza nella panatura.